Notizie

Il 20 aprile salpa da Civitavecchia per Barcellona “Una nave di libri”

Un vero e proprio viaggio in nave, ma che ha dello straordinario. E’ una nave di libri per Barcellona, che da mercoledì’ 20 a domenica 24 aprile con a bordo scrittori, registi, attori e chef salpa da Civitavecchia (Roma) per Barcellona e celebra cosi’ la Giornata Mondiale del Libro. Una grande festa per tutti gli amanti della lettura e della cultura, per il settimo anno consecutivo organizzata da Leggere:tutti e Grimaldi Lines. Partenza il 20 aprile dal porto di Civitavecchia con la Cruise Barcelona, l’ammiraglia della Grimaldi Lines con circa 500 cabine.

Sia durante la tratta di andata che al ritorno, un fitto calendario di eventi con presentazioni di libri, proiezioni di film, showcooking e spettacoli promette di rendere il viaggio un’esperienza davvero unica. Incontri che sono aperti a tutti e che proseguono nel capoluogo catalano grazie alla collaborazione dell’Istituto Italiano di Cultura e della Casa degli Italiani di Barcellona. L’attracco e’ previsto per la sera del 21 aprile con il trasferimento in albergo. Il giorno successivo si potrà’ liberamente visitare la città’, mentre il 23 uno spettacolo suggestivo sorprenderà’ gli ospiti della nave. Nella Giornata Mondiale del Libro, a Barcellona si celebra infatti San Giorgio, i libri e le rose, un grande evento durante il quale migliaia di persone affollano la Rambla e le piazze. La festa prende vita sin dalla mattina grazie ai numerosi incontri organizzati per l’occasione e le librerie espongono in strada libri e cesti di rose.

Molti e di grande richiamo gli autori che hanno già’ accolto con entusiasmo l’invito a salire a bordo, tra cui Emanuela Ersilia Abbadessa, che presenta il suo nuovo romanzo Fiammetta (Rizzoli, 2016); Diego De Silva, scrittore e sceneggiatore con all’attivo ben nove romanzi per Einaudi tradotti in altrettanti Paesi; Roberto Ippolito, autore di libri di inchiesta di successo tra cui Ignoranti (Chiarelettere, 2014) e Abusivi (Chiarelettere, 2015); Lorenzo Marone, che dopo il fortunato esordio La tentazione di essere felici (Longanesi, 2015) esce ora con La tristezza ha il sonno leggero (Longanesi, 2016); Sara Rattaro, vincitrice del premio Bancarella con Niente e’ come te (Garzanti, 2015); Carlo Ottaviano, giornalista e critico gastronomico ed autore del libro Olio nostrum. E poi ancora il colonnello Roberto Riccardi autore di diversi libri tra cui Venga pure la fine (e/o, 2013) e La firma del puparo (e/o, 2015); Gaetano Savatteri, autore di Uno per tutti (Sellerio, 2008) che interviene con il regista del film omonimo Mimmo Calopresti.

All’evento partecipano anche Anna Appolloni (Parole Sospese, Twins 2015), Donatella Barazzetti e Antonella Cammarota (I funamboli, Altraeconomia 2014), Fiorella Cappelli (Noi dal cuore grande, Enoteca letteraria 2016), Mario Bernardi Guardi (Fascista da morire, Mauro Pagliai 2015), Vittorio Russo (Racconti di viaggi di geografie di storie e di cose, Streetlib 2015), Maria Laura Antonini (Un colpo d’ala, all’improvviso, LuoghInteriori) e lo staff della libreria Iocisto, la prima in Italia ad azionariato popolare, che presenta Ho sete ancora, un’antologia di racconti dedicata a Pino Daniele. Per tutti i giorni della navigazione e’ aperta inoltre al pubblico la mostra fotografica I tanti Pasolini realizzata dall’Archivio Riccardi e curata da Maurizio Riccardi e Giovanni Currado. Ventisei scatti, per la maggior parte inediti, che ritraggono espressioni e posture di uno degli intellettuali piu’ illuminati del Novecento, ma soprattutto svelano l’anima di un uomo: al Premio Strega in veste di candidato, in tribunale accusato di vilipendio alla Religione di Stato per il film La Ricotta o al Premio Viareggio con Ungaretti.

L’attenzione al panorama culturale italiano si consolida nello spazio dedicato agli autori di origine straniera residenti nel nostro Paese, come l’albanese Anilda Ibrahimi, in Italia dal 1997 e autrice di romanzi di successo tradotti in sei Paesi, tra cui L’amore e gli stracci del tempo (Einaudi, 2009) e Non c’e’ dolcezza (Einaudi, 2012); l’italo-libanese Leyla Khalil, esordio giovanissimo con Piani di fuga (Ensemble, 2015); l’italo-somala Cristina Ali Farah, autrice de Il comandante del fiume (66thand2nd, 2014).

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>